Se sei un fan di “American Horror Story” potresti ricordare un personaggio della terza stagione (“Coven”) interpretato da Danny Huston, fratello dell’attrice Anjelica, figlio del regista John. È stato chiamato L’Axeman, e se non fossi particolarmente immerso nella storia di New Orleans o nella storia del serial killer, quel particolare riferimento potrebbe essere volato oltre.,

Ma gli abitanti della città lo conoscono bene, a causa dei suoi brutali metodi di uccisione, della sua arma preferita, dei suoi attacchi casuali…e del suo amore per il jazz. Oh, e il fatto che non sia mai stato catturato.

Parliamo di quel jazz, però. Al momento dei suoi attacchi, tra il 1918 e il 1919, il jazz era agli inizi e si stava rapidamente evolvendo in questa città portuale del sud, che era stata recentemente non segregata negli anni dopo la guerra civile. Era un mix di afro-americani, ebrei, creoli, bianchi e tutti gli altri, e il jazz era il suono di una giovane generazione pronta a far festa., (Inutile dire che le generazioni più anziane odiavano questa musica.)

All’inizio l’assassino non era conosciuto come l’Axeman, ma un misterioso intruso che aveva cesellato le porte anteriori aperte, hackerato i proprietari (e le loro mogli) a morte con la sua ascia, e scomparve, lasciando dietro di sé la sua arma di firma (che, si I giornali dell’epoca riportarono ogni dettaglio lurido e mandarono la città in uno stato di paura durante l’estate del 1918.,

Le sue vittime erano tutti negozianti italiani, ma questo non è stato sufficiente per aggiungere il suo nome ai libri di storia. Ma il 14 marzo 1919, questo cambiò, quando il New Orleans Times-Picayune pubblicò una lettera infame dalla mano del killer stesso:

Stimato mortale di New Orleans:

Non mi hanno mai catturato e non lo faranno mai. Non mi hanno mai visto, perché sono invisibile, come l’etere che circonda la tua terra. Non sono un essere umano, ma uno spirito e un demone dall’inferno più caldo. Io sono quello che voi Orleani e la vostra stupida polizia chiamate l’Axeman.,

Quando lo riterrò opportuno, verrò a reclamare altre vittime. Io solo so chi saranno. Non lascerò altro indizio che la mia ascia insanguinata, macchiata di sangue e cervello, di colui che ho mandato qui sotto per tenermi compagnia.

Se lo desideri, puoi dire alla polizia di stare attenta a non farmi arrabbiare. Certo, sono uno spirito ragionevole. Non mi offendo per il modo in cui hanno condotto le loro indagini in passato. In effetti, sono stati così completamente stupidi da divertire non solo me, ma Sua Maestà satanica, Francis Josef, ecc. Ma digli di stare attenti., Non cerchino di scoprire quello che sono, perché era meglio che non fossero mai nati che incorrere nell’ira dell’Ascia. Non penso che ci sia bisogno di un avvertimento del genere, perché sono sicuro che la polizia mi schiverà sempre, come hanno fatto in passato. Sono saggi e sanno come tenere lontano da ogni danno.

Indubbiamente, voi Orleani pensate a me come a un orribile assassino, cosa che sono, ma potrei essere molto peggio se volessi. Se volessi, potrei fare una visita alla tua città ogni sera., A mio piacimento potrei uccidere migliaia dei tuoi migliori cittadini (e i peggiori), perché sono in stretta relazione con l’Angelo della Morte.

Ora, per essere precisi, alle 12:15 (ora terrestre) del prossimo martedì sera, passerò sopra New Orleans. Nella mia infinita misericordia, vi farò una piccola proposta. Eccolo qui: sono molto appassionato di musica jazz, e giuro da tutti i diavoli nelle regioni inferiori che ogni persona sarà risparmiata nella cui casa una jazz band è in pieno svolgimento al momento che ho appena menzionato. Se tutti hanno una jazz band in corso, beh, allora, tanto meglio per voi., Una cosa è certa e questo è che alcune delle vostre persone che non jazz fuori su quello specifico Martedì sera (se ce ne sono) otterrà l’ascia.

Bene, poiché ho freddo e bramo il calore del mio Tartaro nativo, ed è giunto il momento di lasciare la tua casa terrena, cesserò il mio discorso. Sperando che tu pubblichi questo, che possa andare bene con te, sono stato, sono e sarò lo spirito peggiore che sia mai esistito o in realtà o regno di fantasia.

–The Axeman

Hai notato la parte in grassetto (la nostra enfasi)? I lettori nel 1919 certamente hanno fatto.,

Quel martedì, la città musicale era ancora più vivace del solito. Se tu avessi un giradischi, ha giocato tutta la notte e ad alta voce. Se avevi un pianoforte, stavi sbattendo via i tasti. E se avessi un jazz club nelle vicinanze, era solo in piedi. Potrebbe essere stata la più grande serata di jazz della storia. E in effetti, nessuno ha avuto il chop quella sera.

L’Axeman colpì altre quattro volte quell’anno, con una sola vittima che soccombeva alle sue ferite. E dopo che L’Axeman è scomparso. Senza impronte digitali, sospetti o descrizioni dell’assassino, il caso non fu mai risolto.,

Gli storici non hanno fatto bene a scoprire la sua identità, ma su una cosa sono d’accordo: l’assassino probabilmente non ha scritto la lettera.

La storica Miriam Davis ha una teoria che fosse John Joseph Dávila, un musicista e un compositore jazz. Subito dopo la pubblicazione di the Axeman letter, ha pubblicato un tie-in di spartiti chiamato “The Mysterious Axeman’s Jazz (Don’t Scare Me Papa)”, e ne ha ricavato un sacco di soldi.

Incassare un evento omicida e un’isteria pubblica? Questa è la quintessenza americana, amici miei, proprio come il jazz.,

Per ulteriori informazioni su questa storia, leggi il libro di Miriam Davis, The Axeman of New Orleans: The True Story.

Contenuti Correlati:

la Nuova Serie Su Un Giovane della Lotta contro la Criminalità Sigmund Freud È Venuta a Netflix

un Po ‘ di Gioia per le Orecchie: New Orleans Brass Band Suona Vita-afferma Cover di Marvin Gaye “Sexual Healing”
Guns N’ Roses Sweet Child O’ Mine” Dirottato come del 1920, il Jazz di New Orleans

Ted Mills è uno scrittore freelance per le arti, che ospita attualmente l’artista intervista-a base di FunkZone Podcast e è il produttore di KCRW Curioso Costa., Puoi anche seguirlo su Twitter a @ tedmills, leggere le sue altre arti scrivendo a tedmills.com e / o guardare i suoi film qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *