Il 10 ottobre 2004, l’attore Christopher Reeve, diventato famoso per il suo ruolo da protagonista in quattro film di Superman, muore per insufficienza cardiaca all’età di 52 anni in un ospedale vicino alla sua casa nella contea di Westchester, New York. Reeve, che è stato paralizzato in un incidente a cavallo 1995, è stato uno dei principali sostenitori della ricerca sul midollo spinale.

Christopher Reeve è nato il 25 settembre 1952 a New York City e si è laureato alla Cornell University e alla Juilliard School., Ha fatto il suo debutto a Broadway nel 1976 in A Matter of Gravity, con Katharine Hepburn. L’attore 6 ‘ 4” ha raggiunto la fama nel 1978 quando è stato selezionato su altri 200 attori per il ruolo principale in Superman. Anche se avrebbe giocato l “eroe d” azione in altri tre film, Reeve era determinato a” sfuggire al capo ” ed evitare di essere typecast. Di conseguenza, ha assunto una varietà di ruoli teatrali e cinematografici. I suoi crediti cinematografici includono Somewhere in Time (1980), Deathtrap (1983), The Remains of the Day (1993) e Village of the Damned (1995).,

Il 27 maggio 1995, Reeve, un forte atleta e avido cavaliere, rimase paralizzato dal collo in giù dopo essere stato lanciato dal suo cavallo e rompendosi il collo durante una competizione equestre in Virginia. L ” attore poi è diventato un crociato per le persone con lesioni del midollo spinale e anche fatto pressioni per il finanziamento del governo della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Durante un discorso agli Academy Awards del 1996, Reeve ha esortato la comunità di Hollywood a fare più film su questioni sociali., Oltre al suo lavoro di raccolta fondi e di advocacy, Reeve ha scritto due libri sulle sue esperienze di vita e ha continuato la sua carriera di attore. Nel 1997, ha fatto il suo debutto alla regia con HBO In the Gloaming, che è stato nominato per cinque Emmy Awards, e nel 1999, ha recitato in un remake del classico thriller di Alfred Hitchcock Rear Window, The Brooke Ellison Story, un film basato su una storia vera sul primo tetraplegico a laurearsi all’Università di Harvard.

Nel 2000, Reeve, che ha mantenuto un regime di terapia fisica intensiva dal momento del suo incidente, è stato in grado di muovere il dito indice., Ha dichiarato pubblicamente che era determinato a camminare di nuovo. Nel necrologio del New York Times di Reeve, uno dei medici che lo curò disse: “Prima non c’era davvero speranza. Se tu avessi una lesione al midollo spinale come la sua non c’era molto che si potesse fare, ma lui ha cambiato tutto, ha dimostrato che c’è speranza e che ci sono cose che si possono fare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *