INTRODUZIONE
Chiunque abbia mai fatto una tazza di caffè o tè caldo ha eseguito un’estrazione. L’estrazione è una tecnica fondamentale utilizzata per isolare un composto dauna miscela. Acquisire familiarità con la sua teoria e l’uso corretto sonoessenziale al completamento di molti esperimenti organici. I tre tipi più comuni di estrazioni sono: liquido / liquido, liquido / solido e acido / base (noto anche come estrazione chimicamente attiva)., Gli esempi di caffè e tè sono entrambi del tipo liquido / solido in cui un composto (caffeina) è isolato da una miscela solida utilizzando un solvente di estrazione liquida (acqua).
ESTRAZIONE LIQUIDO / LIQUIDO
Un’estrazione liquido/liquido comporta due immiscibleliquidi. I liquidi immiscibili non si dissolvono l’uno nell’altro;formano strati quando vengono collocati nella stessa vetreria. Immiscibilitàè il risultato di due liquidi con polarità diversa. La coppia più comune di solventi da estrazione utilizzati è l’etere dietilico (spesso definito semplicemente “etere”) e l’acqua., La polarità è un relativoil metro-etere è considerato non polare e polare dell’acqua. Il fatto che due fasi siano osservate aggiungendo l’una all’altra è una conseguenza delle loro diverse polarità. La posizione (lo strato superiore o inferiore) di un solvente di estrazione è determinata dalla densità. La densità dell’etere è di 0,713 g / cm3 e la densità di H2O 1,0 g / cm3; pertanto, l’etere è sempre la fase superiore quando la coppia di solventi di estrazione è etere e acqua.
COME ESEGUIRE
Le estrazioni vengono eseguite in un imbuto separatore ., Quando vengono posizionati due liquidi immiscibilinell’imbuto separatore si osservano due fasi come discusso sopra. Come accennato in precedenza, la ragione fondamentale per eseguire un’estrazioneè isolare un composto da una miscela. Ad esempio, considera l’amiscela costituita da 2 composti polari e 1 composto non polare. Dopo l’estrazione con la coppia solvente di etere e acqua, i composti 2polari si troverebbero nello strato acquoso (un solvente polare dissolve un soluto polare) e il composto non polare si troverebbe nella fase non polare (etere). Nota: la fase costituita da H2O è chiamata fase acquosa.,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *